Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Intervista a Maria Rosa Spaltro

La bellezza, equilibrio tra corpo, spirito e mente

Sono davvero lieta di riportare qui alcuni brani della mia intervista-chiacchierata con Cristina Cogoi! Il testo integrale può essere letto sul suo sito dal link in fondo a questa pagina.

Piacersi oltre il tempo che passa

[…] Il desiderio di ogni donna di piacere e piacersi. Colpisce come in ogni era ci fossero donne che hanno aiutato le altre donne a vestirsi, a pettinarsi, a prendersi cura della loro bellezza.

Maria Rosa è una di queste donne nel nostro tempo, lei che ha fatto del suo centro Marispa un luogo dove la bellezza non ha età. Dove ogni donna entrando, viene accolta con il sorriso e si sente compresa amata, avvolta da un’energia di gioia. Dove apparecchiature di alta tecnologia supportano questa ricerca senza essere invasive. Dove la bellezza è cercata e creata, personalizzata come un abito sartoriale non per grandi magazzini.

Maria Rosa cos’è la bellezza per te?

Cristina è tutto, viene da dentro e qualche cosa di fragile e forte, in divenire con il nostro cambiare. A noi sta la capacità di coglierla, rivelarla accompagnarla nel flusso della vita.

Maria Rosa quando hai iniziato a fare questo lavoro?

Quando ho rinunciato a studiare, in realtà avrei dovuto fare il medico e sarei stata anche brava, è il mio grande rimpianto. Mi è sempre piaciuto aiutare le persone ma all’epoca avevo poca voglia di studiare e scalpitavo per la mia indipendenza, mi sembravano troppi gli anni di studio da dedicarvi e a 17 anni ho deciso di aprire il mio primo centro estetico. Vi ho messo da subito tutto il mio amore per questa professione. L’ho attrezzato di tecnologie importanti, solarium, idromassaggio, pressoterapia, ultrasuoni, elettrostimolazione. Ho scelto marchi importanti di alta qualità come RVB e Jean Klebert. Pensa, Cristina, già trattavo il corpo con il Dott. Alex Gezzi, oggi professore di cosmetologia.

Mi spiazza, non ero pronta a queste rivelazioni e silenziosa attendo prosegua.

Ho perso mia mamma per una malattia oncologica e mio fratello giovanissimo. Sono cose che segnano, Cristina, eppure il sorriso non me l’hanno spento anzi ne ho fatto una missione, il mio talento. Portare gioia alle persone e saper leggerle soprattutto ciò che non dicono. Leggere oltre le parole con il tatto delle mie mani. Il massaggio se interpretato è una grande medicina, scioglie tensioni, cura dolori, anestetizza mancanze, colma distanze. So di cosa parla, ho avuto la fortuna di essere stata trattata in profondità grazie al suo tocco magico. Peccato ci separino troppi km, Parma Policoro è un viaggio lunghissimo.

Parlami del tuo progetto in ambito oncologico 

Per me Cristina è stata ed è una missione, avere la possibilità di avvicinarmi a donne che soffrono, aiutarle a comprendere che accettare la propria malattia con il sorriso può fare la differenza. Accompagnarle a riscoprire la bellezza che hanno in loro e che meritano di esprimere oltre la sofferenza. Supportarle con una anamnesi che viene fatta prima durante e dopo le terapie per scegliere i giusti trattamenti. Aiutarle a rilassarsi, a liberarsi del loro dolore, delle paure bloccate nei loro muscoli. Il corpo parla, spesso urla, a noi saperlo ascoltare silenziando la mente. Mi emoziona sentirla parlare, Maria Rosa è un regalo che la vita mi ha fatto. Mi è giunto tramite un amico prezioso in comune, Enrico Sodano conosciuto durante la pandemia. Entrambi scrivevamo ogni giorno per la rivista Totem magazine di Potenza e da lì la nascita di un progetto su FB e YouTube di riflessioni sulla salute e il potere della lettura “Perle felicità e benessere” Con l’arrivo dell’estate la decisione di conoscerci entrambi di persona. Mai decisione fu più saggia. La vita è strana, se usciamo dalla nostra confort zone, se vinciamo le nostre paure, nel mio caso affrontare 900 km percorsi in macchina da sola, lei ti ripaga e ti stupisce, sempre.

[…]

Cosa diresti alle donne di questo tempo e a tutte le donne che seguono il mio blog, il coraggio di cambiare?

Mi fissa, oltre quella montatura che riflette occhi profondi, solari, buoni. “Dovete amarvi di più, a prescindere da tutto e tutti per voi stesse, essere più femminili, eleganti, imparare a non trascurarvi ma a prendervi il vostro tempo senza sensi di colpa”. La mia mente fa un tuffo nei ricordi a quando ho trascorso una settimana nell’assolata Basilicata con Maria Rosa. Le cene a sorpresa in riva al mare, le fughe dal centro estetico per farmi visitare Matera e Maratea, i lettini in riva al mare già prenotati a mio nome. Settimana in cui sono stata trattata come una regina, amata per la mia unicità, coccolata, viziata stupita, accolta. E poi trattamenti estetici all’avanguardia e massaggi. Le sue mani avevano compreso chi ero oltre le parole, avevano colto che oltre le mie sicurezze esteriori c’erano fragilità e ferite profonde. E così con amore sciogliendo tensioni, antiche paure, dolori mai inconsciamente accettati sino in fondo, avevano curato la mia anima.

Mi sorride le sorrido

All’unisono pronunciamo solo tre parole

CI VEDIAMO PRESTO

la mente già programma il prossimo viaggio

il cuore è già là

CC

Leggi qui l’articolo completo

Leave a comment